"La cultura è un modo di vedere, di percepire, di giudicare,  cioè di valutare e di decidere riguardo a tutto. È lo stabilirsi di un orizzonte ultimo da cui parte l'attacco della coscienza dell'io alla realtà e che investe ogni cosa che esso trova sul cammino".

Luigi Giussani

Generare tracce nella storia del mondo (1998)

 “. . . Innanzitutto e per prima cosa si deve dire, con molto realismo, che non era loro intenzione di creare una cultura e nemmeno di conservare una cultura del passato. La loro motivazione era molto più elementare. Il loro obiettivo era: quaerere Deum, cercare Dio. Nella confusione dei tempi in cui niente sembrava resistere, essi volevano fare la cosa essenziale: impegnarsi per trovare ciò che vale e permane sempre, trovare la Vita stessa. Erano alla ricerca di Dio...”

Benedetto XVI

Incontro col mondo della cultura, 9 sett. 2008, Collège des Bernardins, Parigi


 

BIANCHI e GALIMBERTI a confronto

 

 

Cari amici,

 

Siete invitati all'incontro organizzato da Lettera alla Città con i due candidati sindaco

Matteo Bianchi

e

Davide Galimberti

in vista del ballottaggio di domenica 17 e lunedì 18 ottobre 2021 per il Comune di Varese. L’incontro avrà luogo

 

Mercoledì 13 ottobre alle ore 18,30

in presenza

alla sala ASCOM

Varese - via Valle Venosta 4

e online

sul canale YouTube di RMF

(Radio Missione Francescana)

Saranno presenti amici di alcune realtà operanti in città e nate dalla presenza e dalla responsabilità cristiana nel tentativo di rispondere ai bisogni delle persone negli ambiti dell'educazione, del lavoro, dell'accoglienza e della cura della fragilità. Presenteranno ai candidati la loro esperienza e faranno delle domande per conoscere il pensiero di chi diventerà il futuro sindaco e soprattutto per conoscere come intende operare per contribuire a dare una risposta sempre più adeguata ad alcuni fondamentali bisogni delle persone che vivono in città, attuando il principio di sussidiarietà, valorizzando e sostenendo le iniziative e le opere che già sono in atto in città.





Riscopriamo la politica

 

 

Cari amici,

 

la progressiva uscita dalla pandemia da Covid-19, la più pesante crisi dal secondo dopoguerra, a sua volta preceduta da una lunga serie di altre crisi - per citarne alcune: 11 settembre, crisi finanziarie 2008-2011, incremento dei fenomeni migratori, guerra all’ISIS, ritorno dei Talebani in Afghanistan - sta portando, tra le altre conseguenze, a spinte innovatrici in svariati settori: transizione verde, ripensamento dei modelli di welfare, innovazione nell’educazione e negli ambienti di lavoro etc.

 

L’impegno inaudito che l’UE ha deliberato per finanziare un gigantesco piano di rimessa a punto dei tanti aspetti delle politiche dei Paesi europei è un segno tangibile dell’urgenza con cui si sta cercando una transizione verso nuove modalità di affronto di tanti aspetti della vita dei cittadini europei. Al tempo stesso la pandemia ha in tanti casi aumentato divari fra regioni geografiche o fra fasce di popolazione e ha costretto tutti a riconsiderare convinzioni che sembravano acquisite per sempre.

 

In questo mare turbolento e difficilmente decifrabile che l’umanità sta attraversando con tante aspettative sul futuro miste a preoccupazioni, in Italia si voterà per il rinnovamento del consiglio comunale in più di mille comuni, alcuni molto grandi (Roma, Milano, Torino…). Anche Varese si sta approssimando a questa scadenza. Riandare a ciò che accadde 5 anni fa è significativo: oltre al fatto che per la prima volta la Città Giardino si diede come governo una compagine di centro-sinistra, fa pensare guardare ai numeri della partecipazione. Nel 2016 infatti andò a votare circa il 54% degli aventi diritto al primo turno e poco più del 50% al ballottaggio. Percentuali che non indicano certamente un interesse diffuso in città per la politica, neanche quando è così “prossima”. Le crisi e le difficoltà permanenti si accompagnano a un diffuso disinteresse o a una distanza fra cittadino e politica. E la politica ne fa le spese, venendo messa sul banco degli imputati, anche quando ha colpe limitate. In questa situazione possiamo guardare a questo nuovo appuntamento con cinismo o disinteresse, o cercare di recuperare uno sguardo umano, per riscoprire ciò che di interessante e decisivo si gioca nelle vicende politiche.

 

A partire da alcuni documenti che nascono dall’esperienza della Chiesa vi proponiamo, perciò, alcuni spunti di riflessione e domande aperte, come aiuto a reperire criteri adeguati anche alla scelta che si dovrà esercitare nel segreto della cabina.

 

 

Il numero corrente di ZONA VERDE

lo trovate qui




Domande ai candidati sindaco

 

Il dibattito fra i candidati sindaci si può rivedere qui.

 

Lettera alla Città, una libera aggregazione di cristiani delle parrocchie, associazioni e movimenti presenti in città, fra cui il Centro culturale Massimiliano Kolbe, in vista delle elezioni comunali del giorno 3-4 ottobre 2021, ha invitato tutti i candidati alla carica di Sindaco ad un momento di dialogo e di confronto online il giorno

Venerdì 24 settembre 2021

alle ore 18.30

sui temi:

Educazione,

Lavoro,

Accoglienza

 

Ai candidati sono state poste domande sui temi: Educazione, Lavoro, Accoglienza, che riguardano l’impegno e il lavoro di molte realtà cristiane che operano in città, nel tentativo di rispondere ai bisogni che si incontrano e costruire il bene comune.




Varese e la Madonna Addolorata

 

 

 

Si è svolto l’evento organizzato

dalla Associazione Ammira e da altri centri culturali,

incluso il Kolbe, il giorno

Giovedì 23 settembre 2021

alle ore 21

nella Basilica di San Vittore Martire

in Piazza San Vittore a Varese,

dal titolo

Stabat mater

Sulle tracce

dell’Addolorata

 

Si tratta di una serata in cui è stato il documentario realizzato per raccontare la storia della devozione dell'Addolorata nel Varesotto e presentare un libretto che vuole approfondire il senso delle iconografie presenti nel nostro territorio legate al dolore della Vergine, inquadrando quindi il tema dell'Addolorata in un discorso più ampio. Il Coro Polifonico Santa Maria del Monte ha gentilmente contribuito alla serata eseguendo alcuni pezzi attinenti al tema.

Il progetto multimediale “Sulle tracce dell'Addolorata” si propone di valorizzare attraverso strumenti e metodologie innovative la devozione tutta varesina dell'Addolorata: un miracolo avvenuto il 30 maggio del 1678 ha dato infatti origine non soltanto a una rappresentazione attestata unicamente nel Varesotto dell'Addolorata con il capo sormontato da tre stelle, ma soprattutto a una straordinaria affezione di popolo.

 




Liberi come Guareschi

 

 

 

Il video dell’incontro è disponibile qui.

 

Venerdì 9 luglio alle ore 21

Sul canale Youtube del Kolbe si è svolto un incontro con

Alessandro Gnocchi

e

Paolo Gulisano

sulla vita e l’opera di Giovanni Guareschi, dal titolo

Liberi in qualunque circostanza

Abbiamo pensato di proporre questo incontro perché in questi mesi così impegnativi e difficili accostarsi alla personalità di Guareschi può essere di aiuto ad approfondire la testimonianza di una umanità piena e libera, pur dentro le difficoltà che ognuno si trova a vivere nella vita.

 

 




GIUGNO SPORT A GAVIRATE

 

Vi segnaliamo la manifestazione

Giugno Sport

da lunedì 28 giugno a lunedì 5 luglio 2021,

all’Oratorio S. Luigi di Gavirate, Via  Guglielmo Marconi 14

sul tema

 

Alla ricerca del padre

 

Giugno Sport ritorna in questo momento così difficile, con la sua proposta di tornei, incontri e spettacoli e mai come quest'anno si rivolge sia ai giovani che agli adulti. Nel mondo affaticato di oggi, c'è sempre più bisogno di padri, nel senso di autorità, di punti di riferimento che aiutino a crescere, che offrano ai giovani una proposta di significato. Padre è chi ti spalanca l'orizzonte, chi a sua volta si riconosce figlio, ovvero continuamente generato da qualcosa di più grande di lui. Ci aiuteranno nella nostra ricerca testimonianze concrete di autentica paternità, vivendo insieme un'esperienza di amicizia, bellezza e libertà.

 

In particolare:

 

Lunedì 28 giugno alle ore 21

 

Nessuno genera

se non è generato

 

Incontro con

 

don Pierluigi Banna

docente di Patrologia al Seminario Arcivescovile

di Venegono e di Teologia all’Università Cattolica

del Sacro Cuore di Milano

 

Introduce

Marco Lamanna

docente di Storia della Filosofia alla Facoltà

di Teologia di Lucerna

 

E

 

Mercoledì 30 giugno alle ore 21

 

Presentazione del libro

 

Tutto è un dono

 

Intervengono:

Annalisa Bottino

figlia di Luigi

Massimo Mastrorilli

amico di Luigi

 

Modera:

Antonio Tombolini

curatore del libro

 

 

Come è possibile, nella morsa del dolore profondo o della malattia - che sia il covid-19 o il cancro - affrontare la vita senza essere travolti dalla paura o addirittura dalla disperazione? Si può trovarne una limpida risposta nella testimonianza di Luigi, colpito all'improvviso da una gravissima forma di tumore, che letteralmente si abbandona, con la semplicità di un bambino, nelle braccia di un gruppetto di amici, conosciuti in modo non affatto casuale sul campo di calcetto, da lui tanto amato. La vicenda di Luigi si intreccia con la figura di Enzo Piccinini, medico emiliano morto in un incidente stradale nel 1999 dopo una vita tutta tesa a Cristo e alla sua Chiesa, del quale è ora in corso la causa di beatificazione; sulla sua tomba nel cimitero di Modena Luigi si reca con quella strana compagnia di amici, e da lì si dipana un travolgente cammino di vera conoscenza e di fede. Il volume contiene le testimonianze di Annalisa Bottino, la figlia, e di Marina Perlini, Massimo Mastrorilli, Paolo Florio, Franco Giussani, José Douglas da Silva, Alberto Castelli, Bernardo Cervellera, Giovanna Ossola, Antonio Tombolini, con una premessa di Massimo Vincenzi e un'introduzione di Mauro Giuseppe Lepori.

 

 

 




DANTE PER TUTTI

 

Cari amici,

 

Martedì 22 giugno alle ore 17 il Centro Culturale “M. Kolbe” di Varese, in partenariato con il Comune di Varese, è stato avviato il progetto

 

 

Dante per tutti

***


Il video dell’incontro è disponibile qui.

 

 

Un articolo di Cacciari

sul Paradiso di Dante

è disponibile qui.

 

***

 

L’evento inaugurale si è svolto presso la

 

Tensostruttura dei Giardini Estensi

Via Sacco - Varese.

 

dove

Massimo Cacciari

 

ha dialogato con gli studenti sul tema

 

Cielo e terra nella

Divina Commedia.

 

Oltre che in presenza è stato possibile partecipare in diretta streaming sui canali YouTube e Facebook del Centro Culturale “M. Kolbe” e del Comune di Varese.

 

Sul progetto DANTEXTUTTI, vedere "Dettagli" più sotto.




The Economy of Francesco

 

 

Caro amico,

come Centro culturale Kolbe avvertiamo con urgenza l'attenzione che Papa Francesco rivolge al momento attuale, concretizzata nelle due encicliche Laudato sì e Fratelli tutti, nell'iniziativa The Economy of Francesco (avviata nel novembre 2020) e in molti suoi giudizi che aiutano a fare luce su tanti aspetti nuovi con cui gli uomini del nostro tempo hanno a che fare.

Per questo abbiamo invitato tre personalità del mondo politico e imprenditoriale locale a confrontarsi con la sfida che i giudizi originali di Papa Francesco portano alla loro attività:

Raffaele Cattaneo

Assessore all'ambiente della Regione Lombardia

 

Chiara Gadda

Deputato della Repubblica

 

Roberto Grassi,

imprenditore, presidente dell'Unione degli Industriali della Provincia di Varese

 

sul tema:

Al lavoro

nella casa comune

Impresa e politica:

la sfida di Papa Francesco

 

Il dialogo si svolgerà online

 

Martedì 15 giugno 2021 – ore 19

 

Si potrà partecipare all'incontro tramite i canali Youtube e Facebook del Centro Culturale Massimiliano Kolbe di Varese (vedere qui a fianco) e dell'Associazione De Gasperi di Legnano.

 

Durante l’incontro si potranno sottoporre domande agli ospiti attraverso la chat di YouTube o sulle pagine Facebook.

 

Nel volantino di annuncio dell’incontro (vedere sotto) è rimasto un refuso: “Noi per l’Italia” invece che “Noi con l’Italia”.




Il 2 x 1000 al Centro Culturale Massimiliano Kolbe

 

Cari soci e amici,

Anche quest’anno, come già nel 2016, presentando la dichiarazione dei redditi è possibile sostenere il Centro Culturale Massimiliano Kolbe di Varese con la scelta della casella 2 x 1000 (in aggiunta al 5 x 1000 e all’8 x 1000, scelte che restano sempre possibili).

Grazie al decreto di agosto (DLG 104/2020 convertito in Legge 126 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 13 ottobre 2020, in vigore dal 14 ottobre), i contribuenti potranno per il 2021 devolvere il 2 x 1000 in favore di una delle associazioni culturali registrate.

Per devolvere il proprio contributo al Centro Culturale Massimiliano Kolbe occorre solo indicare il

CODICE FISCALE del Centro culturale Massimiliano Kolbe:

95019310127

e apporre la propria firma nella relativa casella del 2 x 1000

(come si fa per il 5 x 1000 e per l’8 x 1000).

Per una maggiore chiarezza sull’argomento, riportiamo qui sotto un inciso delle istruzioni di compilazione del Modello 730/2021.

==============

Dalle Istruzioni per la compilazione del Modello 730/2021

(pag. 9)

3. Destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef

Ciascun contribuente può utilizzare una scheda unica per la scelta della destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef.

Il contribuente può destinare:

- l’otto per mille del gettito Irpef allo Stato oppure a una Istituzione religiosa;

- il cinque per mille della propria Irpef a determinate finalità;

- il due per mille della propria Irpef in favore di un partito politico;

- il due per mille della propria Irpef in favore delle associazioni culturali.

Le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef non sono in alcun modo alternative tra loro e possono, pertanto, essere tutte espresse.

Tali scelte non determinano maggiori imposte dovute.

Per esprimere le scelte, il contribuente deve compilare l’apposita scheda (Mod. 730-1), da presentare integralmente anche nel caso in cui sia stata operata soltanto una delle scelte consentite.

Anche i contribuenti che non devono presentare la dichiarazione (...) possono scegliere di destinare l’otto, il cinque e il due per mille dell’Irpef utilizzando l’apposita scheda allegata allo schema di Certificazione Unica 2021 o al modello REDDITI Persone fisiche 2021 e seguendo le relative istruzioni.

(pag. 10)

Scelta per la destinazione del due per mille dell’Irpef alle associazioni culturali

Il contribuente può inoltre destinare una quota pari al due per mille della propria imposta sul reddito a favore di un’associazione culturale iscritta in un apposito elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri (art. 97-bis, D.L. n. 104/2020). Per esprimere la scelta a favore di una delle associazioni culturali ammesse al beneficio, il contribuente deve apporre la propria firma nell’apposito riquadro presente nella scheda indicando il codice fiscale dell’associazione cui vuole destinare la quota del due per mille. La scelta deve essere fatta per una sola delle associazioni culturali beneficiarie.

==============




Per non dimenticare