"La cultura è un modo di vedere, di percepire, di giudicare,  cioè di valutare e di decidere riguardo a tutto. È lo stabilirsi di un orizzonte ultimo da cui parte l'attacco della coscienza dell'io alla realtà e che investe ogni cosa che esso trova sul cammino".

Luigi Giussani

Generare tracce nella storia del mondo (1998)

 “. . . Innanzitutto e per prima cosa si deve dire, con molto realismo, che non era loro intenzione di creare una cultura e nemmeno di conservare una cultura del passato. La loro motivazione era molto più elementare. Il loro obiettivo era: quaerere Deum, cercare Dio. Nella confusione dei tempi in cui niente sembrava resistere, essi volevano fare la cosa essenziale: impegnarsi per trovare ciò che vale e permane sempre, trovare la Vita stessa. Erano alla ricerca di Dio...”

Benedetto XVI

Incontro col mondo della cultura, 9 sett. 2008, Collège des Bernardins, Parigi


 

Meet the Meeting

 

Vi segnaliamo che

 

Sabato 15 Maggio

dalle 10 alle 18

a Varese in Piazza del Podestà

 

sarà possibile incontrarsi coi volontari di

 

Meet the Meeting

 

ed avere informazioni sul

 

Meeting di Rimini 2021

 

Sarà anche possibile contribuire

fattivamente alla realizzazione del Meeting.

 

INOLTRE

 

Alle 18:30 del 15 maggio sul link

https://www.youtube.com/watch?v=Byvh9y7WGIk,

e sul sito del Meeting

sarà possibile seguire

la Presentazione dell’edizione 2021

 

 

Parteciperanno alla diretta:

 

Andrea Moro

neuroscienziato e scrittore

Federico Mecozzi

curatore della colonna sonora del film Nomadland

 

Paolo Cevoli

attore

 




Il 2 x 1000 al Centro Culturale Massimiliano Kolbe

 

Cari soci e amici,

Anche quest’anno, come già nel 2016, presentando la dichiarazione dei redditi è possibile sostenere il Centro Culturale Massimiliano Kolbe di Varese con la scelta della casella 2 x 1000 (in aggiunta al 5 x 1000 e all’8 x 1000, scelte che restano sempre possibili).

Grazie al decreto di agosto (DLG 104/2020 convertito in Legge 126 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 13 ottobre 2020, in vigore dal 14 ottobre), i contribuenti potranno per il 2021 devolvere il 2 x 1000 in favore di una delle associazioni culturali registrate.

Per devolvere il proprio contributo al Centro Culturale Massimiliano Kolbe occorre solo indicare il

CODICE FISCALE del Centro culturale Massimiliano Kolbe:

95019310127

e apporre la propria firma nella relativa casella del 2 x 1000

(come si fa per il 5 x 1000 e per l’8 x 1000).

Per una maggiore chiarezza sull’argomento, riportiamo qui sotto un inciso delle istruzioni di compilazione del Modello 730/2021.

==============

Dalle Istruzioni per la compilazione del Modello 730/2021

(pag. 9)

3. Destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef

Ciascun contribuente può utilizzare una scheda unica per la scelta della destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef.

Il contribuente può destinare:

- l’otto per mille del gettito Irpef allo Stato oppure a una Istituzione religiosa;

- il cinque per mille della propria Irpef a determinate finalità;

- il due per mille della propria Irpef in favore di un partito politico;

- il due per mille della propria Irpef in favore delle associazioni culturali.

Le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef non sono in alcun modo alternative tra loro e possono, pertanto, essere tutte espresse.

Tali scelte non determinano maggiori imposte dovute.

Per esprimere le scelte, il contribuente deve compilare l’apposita scheda (Mod. 730-1), da presentare integralmente anche nel caso in cui sia stata operata soltanto una delle scelte consentite.

Anche i contribuenti che non devono presentare la dichiarazione (...) possono scegliere di destinare l’otto, il cinque e il due per mille dell’Irpef utilizzando l’apposita scheda allegata allo schema di Certificazione Unica 2021 o al modello REDDITI Persone fisiche 2021 e seguendo le relative istruzioni.

(pag. 10)

Scelta per la destinazione del due per mille dell’Irpef alle associazioni culturali

Il contribuente può inoltre destinare una quota pari al due per mille della propria imposta sul reddito a favore di un’associazione culturale iscritta in un apposito elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri (art. 97-bis, D.L. n. 104/2020). Per esprimere la scelta a favore di una delle associazioni culturali ammesse al beneficio, il contribuente deve apporre la propria firma nell’apposito riquadro presente nella scheda indicando il codice fiscale dell’associazione cui vuole destinare la quota del due per mille. La scelta deve essere fatta per una sola delle associazioni culturali beneficiarie.

==============




Gente che spera

 

Il nostro arcivescovo, mons. Mario Delpini, in un’intervista al quotidiano La Repubblica ha provocato i fedeli con le parole:

«Tutti sono di fronte a una scelta: essere gente che spera o che dispera. I cristiani più degli altri debbono essere gente che spera».

Un appello chiaro, una scelta di posizione a cui tutti i cristiani sono chiamati.

La speranza non è quindi solo un sentimento astratto, ma è una decisione della ragione.

A partire da questa considerazione i Centri Culturali Cattolici della Diocesi di Milano hanno organizzato l’iniziativa “Gente che spera”. 7 incontri gratuiti e online, uno per ogni zona pastorale, in varie serate fino al 18 maggio.

 

L'incontro per la zona Pastorale che include Varese è fissato per il

5 maggio alle ore 21

ed ha per titolo:

 

Custodi e testimoni

della speranza

 

Vedrà la partecipazione di:

 

Paolo Bonfanti

Infettivologo dell'ospedale San Gerardo di Monza

 

Eros Monti

Direttore di Villa Cagnola - Gazzada

 

Sarà possibile seguire l'incontro in diretta sui canali YouTube dei centri culturali

Don Milani,

Massimiliano Kolbe, (vedere qui a fianco)

Tommaso Moro,

Fiera di San Pancrazio

Villa Cagnola.

 

Più sotto si può scaricare il programma completo,

dal quale segnaliamo

l'incontro del 12 maggio

con la partecipazione di

Stefano Zamagni,

economista e presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.




Buona Pasqua 2021

 

Inviamo a tutti i nostri auguri per una Santa Pasqua.

La forza del Risorto ci aiuti a ricostruire o a riprendere il cammino anche là dove sembrerebbe troppo difficile.

Vedere Lui, la bontà in persona, che viene insultato e calpestato. Perché tutta questa umiliazione? Perché, Signore, ti sei lasciato fare tutto questo? Lo ha fatto per noi, per toccare fino in fondo la nostra realtà umana, per attraversare tutta la nostra esistenza, tutto il nostro male. Per avvicinarsi a noi e non lasciarci soli nel dolore e nella morte. Per recuperarci, per salvarci. (…) Dio è con noi in ogni ferita, in ogni paura: nessun male, nessun peccato ha l’ultima parola.

—Papa Francesco, Omelia della Domenica delle Palme, 28 marzo 2021




Conoscere Papa Francesco

 

Il video dell’incontro è disponibile qui.

 

Si è svolto l'incontro (online):

 

Martedì 30 marzo 2021 alle ore 21

 

sul tema:

 

Costruttore di ponti

Vita e pensiero

di Papa Francesco

 

Sono intervenuti:

Massimo Borghesi

Professore di filosofia morale all’università di Perugia

 

ed è stata visualizzata una testimonianza da Buenos Aires di

Alver Metalli

Giornalista e scrittore

 

Il libro di Massimo Borghesi Jorge Mario Bergoglio – Una biografia intellettuale è il primo volume che mette in evidenza la formazione intellettuale di Bergoglio ripercorrendone le tappe salienti e gli autori che lo hanno segnato. In precedenza, il pregiudizio per cui il Papa “latinoamericano” non avesse una formazione culturale all’altezza del suo ufficio aveva bloccato l’attenzione su ciò. Molti critici di Francesco lo accusavano di scarsa preparazione teologica e filosofica. Questo studio dimostra quanto errate siano queste opinioni.

I media, come sempre accade, hanno amplificato, soprattutto nei primi anni, la figura del Papa. Francesco è un papa mediatico. Lo è nel suo oltrepassare l’immagine clericale del papato, nel suo ricondurre la figura di Pietro alla umanità semplice della vita quotidiana. Sono gli aspetti che gli vengono rimproverati dai settori conservatori del mondo cattolico. Insieme a questa funzione positiva nel rilanciare la novità papale, i media ne hanno avuta, però, anche una negativa. E questo perché si è disegnato, attorno al Papa, lo stereotipo del barricadero, del rivoluzionario, del populista, di colui che avrebbe ribaltato 2000 anni di storia della Chiesa. Un’immagine falsa, utilizzata dalla destra cattolica per una sistematica delegittimazione della persona del Papa. Il volume consente di accedere al Bergoglio “reale”, a colui che è radicale nella critica del sistema economico-finanziario che ha imperato negli anni della globalizzazione, e, al contempo, è però un fermo difensore della tradizione della Chiesa. Bergoglio non è certamente un tradizionalista — non è mai stato di destra —; non è, però, l’avventuroso modernista dipinto dai conservatori. È un papa del Concilio, il suo pontefice di riferimento è Paolo VI.

 


 




Antologia scritti in prosa di Péguy

 

Sono disponibili i video del primo (3 febbraio) e del secondo (26 febbraio) incontro dedicati a Péguy, svoltisi nello scorso mese di febbraio.

 

Nel mese di febbraio 2021, il Centro culturale Massimiliano Kolbe e l’Associazione De Gasperi di Legnano hanno organizzato due incontri online dedicati a Charles Péguy, in occasione della pubblicazione dell’antologia di scritti di Péguy:

 

Il fazzoletto di Véronique.

Antologia della prosa.

(Ed. Cantagalli 2020).

 

I testi di Péguy raccolti nel volume sono stati tradotti da Antonio Tombolini, e il libro ha una prefazione di Julián Carrón.

 

Sarà possibile partecipare agli incontri attraverso i canali YouTube e Facebook del Centro Culturale Kolbe di Varese, dell’Associazione De Gasperi di Legnano e della Facoltà di Teologia di Lugano (per il Kolbe, vedere Riferimenti qui a fianco).

 

Il titolo generale degli incontri è:

 

Péguy nostro

(in)contemporaneo?

 

Il primo incontro è stato:

 

Mercoledì 3 febbraio 2021 alle ore 21

 

sul tema:

 

Quale rapporto

tra io e collettività

 

Sono intervenuti:

Vincenzo Pacillo

Professore ordinario di Diritto Canonico

Università di Modena e Reggio Emilia

e

Thomas Casadei

Professore associato di Filosofia del Diritto

Università di Modena e Reggio Emilia

 

Il secondo incontro è stato:

 

Venerdì 26 febbraio 2021 alle ore 21

 

sul tema:

 

Oltre la scristianizzazione

 

Sono intervenuti:

Mauro Giuseppe Lepori

Abate generale dell’Ordine Cistercense

e

René Roux

Rettore della facoltà di Teologia di Lugano

 

Di quanti scrittori un Sommo Pontefice ha detto: «Era più cristiano di me»? Forse nessuno, prima che papa Francesco lo dicesse di Charles Péguy. Chi era costui? Non proprio un Carneade: è stato studiato da centri universitari piccoli ma agguerriti, ripetutamente riproposto all’interno di importanti movimenti ecclesiali (ad esempio CL), rappresentato in circuiti teatrali di base. L’opera poetica di Péguy gode di una stabile presenza editoriale da decenni. Più difficile trovare in Italia la sua produzione saggistica: acutissima e nient’affatto superata analisi del pensiero «moderno». Questa ampia antologia, composta da traduzioni del tutto nuovo, vuol colmare tale lacuna.

 




Le regole del cammino

 

Il video dell’incontro è disponibile qui.

 

Martedì 26 gennaio 2021 alle ore 21

 

Antonio Polito

Editorialista del Corriere della sera

e

Bernhard Scholz

Presidente del Meeting di Rimini

 

hanno dialogato online a partire dal libro

 

Le regole del cammino.

In viaggio verso il tempo che ci attende

(Ed. Marsilio 2020).

 

L’incontro è stato moderato dal giornalista

 

Enrico Castelli

 

Il libro è una riflessione aperta che Antonio Polito svolge a partire da una sorta di “pellegrinaggio laico” da lui compiuto a giugno 2020, fra la prima e la seconda ondata della pandemia, da Norcia a Montecassino, sulle orme di san Benedetto.

Si cercherà insieme ai due ospiti di capire cosa permette ad ognuno di noi di percorrere strade che aiutino a ritrovare se stessi, riscoprendo ciò che vale veramente nella vita. E non di meno, si rifletterà su come e a quali condizioni l’Italia potrà riprendere a camminare, in che direzione e con quale leadership.

Un dialogo, dunque, a tutto tondo, su temi dai risvolti esistenziali ed etici, ma anche sociali, politici ed economici.

Sarà possibile partecipare all’incontro attraverso i canali YouTube e Facebook del Centro Culturale Kolbe di Varese e dell’Associazione De Gasperi di Legnano:

 

L’incontro è stato organizzato dal Centro Culturale Massimiliano Kolbe di Varese e dell’Associazione Alcide De Gasperi di Legnano.




Mencarelli e Pisoni sul tempo della salvezza

 

Il video dell’incontro è disponibile qui.


Sabato 2 gennaio 2021 alle ore 21

si è svolto un incontro online con

Daniele Mencarelli,

poeta e scrittore

e

Don Ambrogio Pisoni,

assistente spirituale presso l’Università Cattolica di Milano

 

Il titolo dell’incontro